Come avrete capito dal titolo, in questo post cerchiamo di spiegare la differenza tra linee elettriche ad alta, media e bassa tensione.

Ma cosa centra, vi chiederete, questo argomento, con la Next, software house impegnata soprattutto nel settore manifatturiero e, nello specifico, nell’ambito dei processi produttivi industriali?

Centra molto, perché, uno dei prodotti di punta di NeXT è un software che opera al di fuori del settore industriale: ProLED.

ProLED è un software realizzato per ENEL Distribuzione per la progettazione delle linee elettriche a media e bassa tensione: ma cosa significa media e bassa tensione?

Traliccio alta tensione

Traliccio alta tensione

Dobbiamo ammettere che, anche internamente all’azienda, coloro i quali non fanno parte dell’ area informatica, si sono posti la stessa domanda. Qualcuno ha anche fotografato, mentre faceva un po’ di trekking nel week end, qualche traliccio, per poi chiedere ai progettisti di ProLED: questo è un traliccio a bassa, a media o alta tensione?

E sì questo è un traliccio ad alta tensione!

Ora vogliamo spiegare cosa intendiamo quando diciamo che una linea è a bassa, media o alta tensione e così capiremo anche a quali linee si riferisce il nostro software ProLED.

Tutti sappiamo che l’energia elettrica viene distribuita attraverso l’intero territorio nazionale attraverso delle linee elettriche o elettrodotti.

Queste linee elettriche vanno ad alimentare le abitazioni e i siti industriali presenti in tutto il territorio nazionale attraverso una corrente alternata della frequenza di 50Hz.

Questi elettrodotti possono distinguersi in 4 tipi:

  • Bassa tensione (meno di 1 kV)
  • Media tensione (tra 1kV e 30kV)
  • Alta tensione (tra 30kV e 150kV)
  • Altissima tensione (più di 150kV)

L’energia a media e bassa tensione viene veicolata attraverso una Rete di distribuzione.

Attraverso alcune cabine, dette cabine primarie, la corrente viene trasformata da alta a media tensione (10kV – 15kV – 20kV).

Successivamente, la media tensione viene trasformata in bassa tensione attraverso delle cabine secondarie (MT/BT): da queste cabine, la corrente arriva, in maniera capillare, a tutti gli utenti: a 230V se si tratta di un’utenza monofase (le nostre abitazioni) o 400V se si tratta di un trifase (si utilizza per potenze superiori a 6 kW, e viene applicata soprattutto in ambito industriale o artigianale).

Dall’immagine che segue, si vede il “ciclo di vita” della corrente elettrica.

Schema distribuzione energia elettrica

Schema distribuzione energia elettrica

La cosa curiosa è che l’energia elettrica è generata dalle centrali di produzione alla tensione di 6kV (cioè una media tensione), poi trasformata in alta tensione, per tornare poi, come abbiamo visto, a media tensione attraverso le cabine primarie.

Perché?

Principalmente per due motivi

  • Innanzitutto, la ragione per la quale la tensione iniziale è di 6kV è dovuta al fatto che, tensioni più elevate implicherebbero complicazioni di impianto legate all’isolamento delle apparecchiature.
  • Inoltre, a parità di potenza trasportata, le perdite per dissipazione sono inferiori se la trasmissione avviene ad alta tensione, soprattutto per le linee che si sviluppano per lunghe distanze.

Da quanto abbiamo detto, si evince che le linee di distribuzione a media e bassa tensione sono di gran lunga più capillari delle linee ad alta tensione. Ed è per questo che ProLED è stato concepito per soddisfare l’esigenza progettuale proprio di questo tipo di linee.

È comunque un prodotto in continua evoluzione ed, a breve, verrà rilasciata la versione 2.0, con importanti elementi innovativi, dei quali presto vi daremo documentazione.

Per saperne di più potrete vedere la sezione presente in questo sito dedicata a ProLED o visitare il sito ad esso dedicato.

A presto che le ultime novità!

 

Ascoltando: Nitin Sawhney – “Broken skin
Lettura in corso: “Cavalli selvaggi” di Cormac McCarthy
Mood: Divulgativo

Digital strategist

Next

La NeXT è una software house che produce e commercializza sistemi informatici studiati per fornire informazioni e dati aggregati al management aziendale, supportandolo nelle decisioni operative.

La NeXT può garantire una eccellente qualità del servizio, grazie alla tecnologia della programmazione ad agenti, unica nel settore.

 

 

 

Dove siamo

Sede Operativa
via Ancona 55/A
60030, Castelbellino (AN)

Sede Legale
via Nazario Sauro 11/a
60035, Jesi (AN)

Tel: 0731696646
Fax: 0731690464
Email: info@mynext.it

P.IVA: 02510420421

 

Contatti

Project manager
Nicola Bergantino
n.bergantino@mynext.it

Commerciale
Giampiero Giannoni 
g.giannoni@mynext.it

Lorenzo Bravi
l.bravi@mynext.it

Amministrazione
Marina Minischetti
m.minischetti@mynext.it

Chatta con noi.

Scannerizza il logo con Messenger