Oggi tratteremo di due temi: la manutenzione delle macchine e la sicurezza delle persone nel luogo di lavoro, in ambito industriale.

Perché trattare insieme due temi apparentemente lontani? Cosa c’entra la manutenzione dei macchinari con la sicurezza dei lavoratori?

Parleremo dei moduli EWO e S-EWO i quali hanno in comune, innanzitutto, il fatto che sono entrambi moduli previsti dalle metodologie del World Class Manufacturing.

Come ben sapete, con i nostri software supportiamo le metodologie WCM (ne abbiamo già parlato in un precedente articolo.)

Sinteticamente ripetiamo che:

Il WCM è un sistema per la gestione integrata di tutti gli aspetti della produzione il cui obiettivo è quello di migliorare l’efficienza riducendo i costi”.

Prima di andare ad approfondire entrambi questi moduli è forse meglio capire perché questi due temi siano particolarmente importanti per il WCM.

Manutenzione e Sicurezza sono temi molto importanti per il WCM: due sono i pilastri dedicati alla manutenzione; e la sicurezza è considerato un elemento fondamentale, un valore inderogabile.

World Class Manufacturing

I 10 pilastri del World Class Manufacturing

Vediamo che cosa indicano queste due sigle.

Il modulo EWO (Emergency Work Order) consente agli operatori di segnalare qualsiasi elemento renda necessario un intervento di manutenzione sulle macchine.

Il modulo SEWO (Safety Emergency Work Order) consente a qualsiasi operatore di registrare, descrivere e documentare qualsiasi situazione ritenuta fonte di pericolo per la sicurezza dei lavoratori:

  • Infortuni

  • Situazioni potenzialmente pericolose

 

Il modulo EWO

Il modulo EWO, come abbiamo accennato, è votato a segnalare casi in cui sia necessaria la manutenzione delle macchine.

Tra i benefici di questo modulo c’è sicuramente, da un lato, il fatto che consente di ritardare nel tempo l’intervento del “professionista” delegando agli operatori tutta una serie di interventi di routine, come ad esempio la pulizia, la lubrificazione o il serraggio; dall’altro si riesce a tracciare tutte le fasi dell’intervento e aiutano il manutentore a risalire alle cause radice per cui si è arrestato l’impianto. La ricerca delle cause radice (ottenuta tramite strumenti come i 5 Perché o i diagrammi causa effetto), è uno degli aspetti più vantaggiosi del modulo EWO, in quanto consente di evitare le fermate partendo dalla comprensione dei fenomeni che le hanno provocate.

Il modulo EWO inoltre focalizza l’attenzione nei confronti dei “piccoli segnali” che possono essere prodromi di un guasto vero e proprio. In questa maniera sarà possibile evitare o ritardare nel tempo l’azione di un manutentore professionale (Professional Maintenance) a vantaggio di un’azione preditiva e preventiva (Autonomous Maintenance).

L’intervento a chiamata sarà preferibile, quindi, solo laddove le probabilità di guasto e i suoi effetti siano più contenuti. In tutti gli altri casi sarà preferibile applicare tecniche più evolute di manutenzione preventiva e predittiva, come quelle consentite dall’applicazione di un modulo EWO.

Sarà quindi possibile:

  • Ridurre il numero di guasti delle macchine;

  • Migliorare la sicurezza del lavoro;

  • Allungare la vita delle macchine;

  • Ridurre gli interventi degli specialisti e di conseguenza:

    • diminuire i tempi di attesa dell’intervento del professionista;

    • diminuire i tempi di reperimento dei ricambi;

    • diminuire l’attesa dei tempi di riparazione;

    • diminuire attesi dei tempi di riavvio macchinari.

 

Come funziona il modulo EWO di NeXT

Adesso andiamo a vedere come realmente funziona il modulo EWO realizzato da NeXT e implementato all’interno del software Improve.

Ogni segnalazione di guasto o anomalie potrà essere registrata attraverso un tablet, il quale avrà accesso all’applicazione (web) del modulo EWO.

Nella schermata iniziale è possibile accedere all’elenco del moduli EWO registrati.

Modulo EWO, schermata iniziale

Modulo EWO, schermata iniziale

 

Dall’elenco delle registrazioni si evince già il tipo di anomalia e l’intervento effettuato.

Modulo EWO, elenco registrazioni

Modulo EWO, elenco registrazioni

Per ogni registrazione è possibile annotare la data, l’ora, l’autore (o gli autori), il reparto e la macchina coinvolti, il tempo atteso per la manutenzione, se è stato necessario operare il ricambio di un pezzo, l’ora in cui l’anomalia è stata risolta, descrizione dell’anomalia e la descrizione del tipo di intervento.

Modulo EWO, la causa radice

Modulo EWO, la causa radice

Dall’elenco delle registrazioni, si può andare anche a visualizzare la “Causa radice”. Che cosa è la causa radice? È la causa che sta all’origine della manifestazione del malfunzionamento. Ad esempio, se si registrano eccessive sollecitazioni in una macchina, queste potrebbero essere causate da diverse cause radici, come influenze esterne (temperatura, vibrazioni ecc..), manutenzione insufficiente, mancata osservanza delle condizioni operative, mancato mantenimento delle condizioni base (pulizia, lubrificazione, serraggi) ecc…

Modulo EWO, dettaglio cause radici

Modulo EWO, dettaglio cause radici

In ogni registrazione è possibile inserire una descrizione dell’anomalia e dell’intervento effettuato per eliminarla. È anche possibile documentare la registrazione con una foto o un disegno fatto a mano libera, associare all’anomalia un tipo di causa radice. Infine è possibile aggiungere note riguardanti l’analisi delle 5W + 1H, l’analisi dei 5 Perché e altro ancora..

Il Modulo EWO, dettaglio registrazione

Modulo EWO, dettaglio registrazione

Di tutte queste informazioni sarà infine possibile ricavarne un documento .PDF.

In questa maniera e con pochi semplicissimi passi, il modulo EWO diventa uno strumento formidabile sia per risolvere l’anomalia in maniera tempestiva, sia per ritardare il più possibile l’intervento degli specialisti (PM) e sia per creare uno storico degli interventi e quindi avere informazioni utili per prevenire gli stessi guasti in futuro.

Il modulo SEWO

Alla stessa maniera del modulo EWO, il modulo SEWO è volto ad un’attività di prevenzione, ma questa volta a beneficiarne è la salute della persona. Cinicamente, potremmo dire che comunque anche la buona salute di un lavoratore si tramuta in un risparmio economico per l’azienda: ogni singolo infortunio si traduce in una voce di spesa e soprattutto in una perdita in termine di benessere aziendale che, quando invece c’è, si tramuta sempre in motivazione, positivitàaumento della produttività di ciascuno.

Ciò che si occupa di documentare il modulo SEWO sono in particolare due aspetti:

  • Gli infortuni

  • Le situazioni potenzialmente pericolose

Il primo serve a testimoniare un fatto accaduto ed evidenziare la maniera in cui è stato affrontato; il secondo va a responsabilizzare ogni singolo operatore il quale può registrare qualsiasi situazione ritenga nasconda un potenziale pericolo per le persone. Questa è un’attività molto importante perché votata alla prevenzione dell’infortunio.

Come funziona il modulo SEWO di NeXT

Come per il modulo EWO, andremo a vedere come il modulo SEWO del WCM è stato interpretato da NeXT e quindi implementato all’interno del software Improve.

Anche qui, qualsiasi operatore che sia stato dotato del device appropriato (tablet), potrà registrare qualsiasi infortunio o situazione potenzialmente pericolosa.

Come per l’EWO, attraverso la pagina iniziale è possibile visionare i moduli SEWO registrati.

Modulo SEWO, schermata iniziale

Modulo SEWO, schermata iniziale

Contestualmente alla lista dei moduli SEWO registrati, viene fornito il nome del compilatore, la data di registrazione e il nome del responsabile dell’attuazione, cioè di colui che dovrà gestire la soluzione della situazione problematica registrata.

Modulo SEWO, elenco registrazioni

Modulo SEWO, elenco delle registrazioni

Cliccando su uno dei moduli si potrà accedere alla visualizzazione della descrizione dell’infortunio o della situazione potenzialmente pericolosa segnalata.

Verrà quindi fornita l’indicazione della gravità, la descrizione (attraverso il sistema delle 5S+1H) e, se disponibili, si potranno visionare delle foto che andranno ulteriormente a descrivere l’infortunio/situazione.

Modulo SEWO, dettaglio della registrazione

Modulo SEWO, dettaglio della registrazione

 

Ogni modulo potrà essere convertito in formato PDF.

Nel PDF saranno presenti tutte le informazioni già visionate attraverso l’interfaccia del software: analisi delle 5S+1H, parti del corpo coinvolte nell’infortunio, ecc.. Sarà presente anche la firma del compilatore del modulo.

Modulo SEWO, file PDF

Modulo SEWO, file PDF

Nel PDF verrà indicata anche l’azione correttiva scelta e la firma del responsabile e del direttore di stabilimento.

Modulo SEWO, file PDF

Modulo SEWO, file PDF

 

Infine saranno visionabili anche le foto caricate nel modulo.

Modulo SEWO, le foto caricate

Modulo SEWO, le foto caricate

 

Bene… ora è chiaro perché questi due moduli sono particolarmente importanti per la metodologia WCM?

Uno ha cura delle macchine, l’altro delle persone…

 

 

Ascoltando: Radiohead – “Karma Police
Lettura in corso: “La versione di Barney” di Mordecay Richler
Mood: World class…

Digital strategist

Next

La NeXT è una software house che produce e commercializza sistemi informatici studiati per fornire informazioni e dati aggregati al management aziendale, supportandolo nelle decisioni operative.

La NeXT può garantire una eccellente qualità del servizio, grazie alla tecnologia della programmazione ad agenti, unica nel settore.

 

 

 

Dove siamo

Sede Operativa
via Ancona 55/A
60030, Castelbellino (AN)

Sede Legale
via Nazario Sauro 11/a
60035, Jesi (AN)

Tel: 0731696646
Fax: 0731690464
Email: info@mynext.it

P.IVA: 02510420421

 

Contatti

Project manager
Nicola Bergantino
n.bergantino@mynext.it

Commerciale
Giampiero Giannoni 
g.giannoni@mynext.it

Lorenzo Bravi
l.bravi@mynext.it

Amministrazione
Marina Minischetti
m.minischetti@mynext.it

Chatta con noi.

Scannerizza il logo con Messenger