8 cose +1 che abbiamo fatto nel 2017

Il 2017 è stato un anno denso di avvenimenti, progetti, viaggi… lavoro.

Duro lavoro. Nel senso più positivo che si possa immaginare per questa espressione. Quella durezza che è un grembo e va a generare soddisfazione, autostima e consapevolezza dei propri mezzi.

Abbiamo provato a sintetizzare le cose più rilevanti accadute in questo 2017, per quanto riguarda la nostra attività. Ne è scaturito un elenco di 8 punti +1 (il più importante per noi!).

01 – Il progetto Franke

Il progetto è entrato nel vivo ad inizio 2017 con l’avvio di alcuni stabilimenti internazionali della Franke. Sono partite le prime linee in Svizzera, Germania, Turchia, USA e, proprio in questi mesi sono iniziate le prime fasi di avviamento per gli stabilimenti in Cina.

Stiamo rispettando la tabella di marcia, precisi come un orologio… svizzero potremmo dire!.

Si tratta ovviamente di uno dei progetti più importanti a cui stiamo lavorando, non tanto per la sua ampiezza (41 stabilimenti sparsi in 28 nazioni), ma perché è uno di quei progetti che ha fatto e sta facendo da volano all’innovazione di molte nostre applicazioni e allo sviluppo di nuovi prodotti altamente tecnologici ed innovativi.

02 – Il progetto Franke-bis

In relazione ad un progetto importante come quello che ci vede coinvolti con Franke, abbiamo progettato un sistema per poter gestire ogni fase da remoto. È stata questa un’attività che è diventata una sorta di progetto nel progetto, sia perché di importanza strategica per il raggiungimento degli obiettivi, sia perché, per noi, ha costituito un momento di grande crescita manageriale.

Abbiamo creato una sorta di “percorso” scandito dalle seguenti tappe:

  • Somministrazione ad ogni responsabile di stabilimento di un questionario (N.I.S. Survey) per conoscere le esigenze del singolo plant
  • Creazione della lista dell’hardware necessario per ogni plant
  • Spedizione dell’hardware necessario, compresi i mini PC e i PLC, già configurati con le nostre applicazioni
  • Training (in diversi step) su come montare e cablare l’hardware necessario
  • Assistenza da remoto

Tutto sta procedendo come da programma

03 – ProLED 2.0

ProLED è un software commissionatoci da Enel Distribuzione. È quindi chiaro che stiamo parlando di un altro progetto molto importante e molto stimolante. Si tratta infatti dell’unico software italiano dedicato alla progettazione di linee elettriche, a media e bassa tensione. Nel mondo ce ne sono solo altri due.

ProLED è nato nel 2011, ma alla fine dell’anno scorso si è cominciato a rilasciare la prima release di ProLED 2.0.

L’intero 2017 è stato dedicato alla crescita e al miglioramento di questa seconda versione, grazie anche alle indicazioni delle centinaia di progettisti di Enel Distribuzione incontrati durante il tour nazionale di formazione.

Quest’ultimo scampolo di 2017 vedrà finalmente la completa compatibilità di ProLED con la CEI 2017, l’ultimo aggiornamento della normativa in tema di progettazione di linee elettriche.

04 – Formazione ProLED

Durante l’intero anno, il team dedicato allo sviluppo di ProLED si è mosso per l’intero territorio nazionale per formare quasi 700 progettisti di Enel Distribuzione: Firenze, Bologna, Milano, Jesi, Torino, Frosinone, Pisa, Napoli, L’Aquila, Perugia, Cagliari, Oristano, Sassari, Catanzaro, Bari, Catania, le città toccate durante questo tour.

Parallelamente a questa formazione frontale, è nata ProLED Academy, progetto digitale, attraverso il quale è stata messa a disposizione di tutti, una collezione di video tutorial dedicata all’utilizzo del software, una modalità agile, veloce e portabile per imparare velocemente a progettare.

05 – Piano nazionale Industria 4.0

I software sviluppati da NeXT per l’ambito industriale, sono da sempre realizzati in ottica lean manufacturing e WCM (World Class Manufacturing). Questo ha fatto sì che queste soluzioni fossero naturalmente predisposte ad implementare un environment Industria 4.0.

Ci occupiamo del monitoraggio dei processi produttivi, del controllo statistico di processo, di tracciabilità, ma soprattutto di mettere tutti questi dati in comunicazione, in maniera da poterli elaborare e riuscire quindi ad ottimizzare l’efficienza produttiva ed eliminare gli sprechi.

Per questo NeXT, quest’anno, si anche proposta come partner ideale per realizzare progetti che vadano nella direzione del Piano Nazionale Industria 4.0, varato dal Governo nel 2017, e che verrà prolungato e potenziato nel 2018.

06 – NeXT PMI Innovativa

Il 2017 lo ricorderemo come l’anno in cui siamo stati inseriti, presso la Camera di Commercio di Ancona, nel registro delle PMI innovative. Per capire l’importanza di questo evento giova ricordare che per poter far parte di questo registro occorre soddisfare almeno due dei tre requisiti che seguono:

  • volume di spesa in ricerca, sviluppo e innovazione in misura almeno pari al 3% della maggiore entità fra costo e valore totale della produzione. Le spese risultano dall’ultimo bilancio approvato e sono descritte in nota integrativa;
  • impiego come dipendenti o collaboratori a qualsiasi titolo, in una quota almeno pari a 1/5 della forza lavoro complessiva, di personale in possesso di titolo di dottorato di ricerca o che sta svolgendo un dottorato di ricerca presso un’università italiana o straniera, oppure in possesso di laurea e che abbia svolto, da almeno tre anni, attività di ricerca certificata presso istituti di ricerca pubblici o privati, in Italia o all’estero, ovvero, in una quota almeno pari a 1/3 della forza lavoro complessiva, di personale in possesso di laurea magistrale;
  • titolarità, anche quali depositarie o licenziatarie, di almeno una privativa industriale, relativa a una invenzione industriale, biotecnologica, a una topografia di prodotto a semiconduttori o a una nuova varietà vegetale ovvero titolarità dei diritti relativi ad un programma per elaboratore originario registrato presso il Registro pubblico speciale per i programmi per elaboratore, purché tale privativa sia direttamente afferente all’oggetto sociale e all’attività di impresa.

È per questo che in tutta Italia le PMI innovative sono solo 648, e quindi ci fa ancora più piacere e ci rende orgogliosi farne parte.

07 – Open Innovative PMI

Figlio del punto 6, è la partecipazione alla fase finale del Premio “Open Innovative PMI” organizzato da Bernoni Grant Thornton. Abbiamo messo questa partecipazione tra gli aspetti importanti del 2017, perché siamo stati selezionati tra i 6 finalisti, in un premio che ha visto la partecipazione di 64 PMI Innovative sparse in tutto il territorio nazionale. Insomma, fa sicuramente morale, e noi siamo sempre pronti ad imparare da qualsiasi esperienza.

08 – Progetto AIOCAP

Il progetto AIOCAP (Automatic Intelligent Out of Control Action Proposal) è un progetto molto stimolante che ha riguardato gli ultimi scampoli di questo 2017. È un progetto di Intelligenza artificiale e machine learning: il suo obiettivo è quello di migliorare le performance nella soluzione di problemi di qualità in produzione.

Ogni qual volta viene registrato un problema di qualità, il sistema invia all’operatore, attraverso una notifica push, una serie di action plan, ovvero soluzioni per quello specifico problema, scelte in base ad una logica probabilistica, facente leva su una base di conoscenza, definita a monte grazie all’esperienza umana (realizzata insieme ad esperti). Rimandiamo ad un articolo del nostro Smart Factory Blog l’approfondimento sull’AIOCAP, qui diremo semplicemente che questa base di conoscenza è destinata a perfezionarsi attraverso la conferma, da parte dell’operatore, di questa o quella soluzione, tra quelle proposte dal sistema.

08+1 Crescita dello staff

Dicevamo che questo è il punto per noi più importante… eh sì che di cose importanti fino ad ora ne abbiamo dette!

Il nostro organico è cresciuto quest’anno e dovrà continuare a crescere.

Quando parliamo di crescita facciamo riferimento sia ai nuovi arrivi, sia a chi faceva già parte del team.

Nel primo caso, è ovvio, parliamo di nuove assunzioni. Nel 2017 hanno varcato la soglia dei nostri uffici Armando, Gianluca e Francesco. Ma stiamo ancora cercando, perché, come avete visto, gli impegni sono tanti, importanti e stimolanti.

Nel secondo caso parliamo di chi ha accettato nuove sfide, si è messo in gioco e a disposizione per dare più di quanto fosse abituato a dare, e fare cose mai fatte prima. Insomma parliamo di chi quest’anno ha alzato l’asticella.

Grazie a tutti.

La prossima sfida? Riuscire a dividere gli spazi del nostro grande ufficio open space in maniera da entrarci tutti! 😉

Ascoltando: Depeche Mode – “Going Backwards
Lettura in corso: “Il tempo dei nuovi eroi” di Oscar Di Montigny
Mood: Analitico

Digital strategist