NeXT sviluppa software e realizza progetti perfettamente aderenti al “Piano Nazionale Industria 4.0”, ora “Impresa 4.0”, introdotto dalla legge di Bilancio 2017.

Il cambio di denominazione del piano non è casuale, ma motivato dal fatto che il termine Industria 4.0 è un termine coniato dalla Germania e perfettamente aderente alla realtà tedesca. L’Italia presenta una realtà diversa, caratterizzata da una moltitudine di PMI, quindi una realtà molto parcellizzata: una realtà ricca di “imprese“.

Il Governo ha confermato anche per il 2018 le misure previste dal “Piano Nazionale Industria 4.0” nel 2017.

Di cosa si trattava in soldoni?

Il Piano nasce per offrire vantaggi e sgravi fiscali a tutte le aziende che decidono di investire in Ricerca & Sviluppo, in beni strumentali e in beni materiali e immateriali (come software e sistemi IT) mirati alla trasformazione e digitalizzazione dei processi produttivi.

Dopo un anno, i dati forniti da questo progetto sono stati confortanti:

  • Gli ordini interni di macchine utensili italiane è aumentato del 45%
  • Sono aumentati gli ordinativi di macchinari, robot e automazione

La positività di questi dati va valutata sia facendo riferimento ad una congiuntura economica favorevole, sia alle agevolazioni previste dal Piano che hanno incentivato l’avvio verso l’innovazione.

La sfida futura è quella di rendere questi risultati “strutturali”.

NeXT, sin dalla propria fondazione, è stata orientata allo sviluppo di soluzioni software in ottica lean. Il fatto di essere una software house, ci ha portato poi, in maniera naturale, all’interno dell’ambiente “Industria 4.0“.

Quindi diciamo che questo Piano non ci ha colti impreparati, né ha comportato cambi di rotta o l’avvio di attività nuove. Insomma: non ci siamo improvvisati incubatori di nuove tecnologie.

Come possiamo aiutarvi

Per esperienza sappiamo che possiamo trovarci di fronte a due scenari:

  • Digitalizzazione dei processi: il cliente è già in possesso di soluzioni per l’ottimizzazione dell’efficienza produttiva (monitoraggio dati, gestione di manutenzioni, visual management, ecc), ma desidera passare dalla “carta” a sistemi digitali che possano consentire la raccolta di grandi mole di dati.
  • Ottimizzazione della produzione e digitalizzazione dei processi: Il cliente non ha implementato alcun tipo di soluzione per l’ottimizzazione dell’efficienza produttiva. In questo caso non possiamo parlare solo di digitalizzazione dei processi, perché se a monte non c’è un’organizzazione strutturale mirata all’eliminazione degli sprechi, andremo semplicemente a digitalizzare gli sprechi.
Internet of things

Internet of things

In entrambi questi casi, non solo interveniamo con le nostre soluzioni software, ma ci occupiamo di guidare il cliente nelle scelta e nella realizzazione del progetto migliore, cucito sulla propria realtà.

I nostri software contribuiscono a “creare” l’environment della smart factory, dell’azienda intelligente, connettendo in un unico network uomini, devices, macchine, processi.. stabilimenti.

Tutto questo con un unico scopo: migliorare le performance produttive, eliminare gli sprechi ed entrare in possesso di una quantità di dati che consentano al management di prendere le migliori decisioni a favore della competitività futura.

Il consiglio che vi diamo è di non perdere questo treno. Cambiare è sempre difficile, quasi mai indolore o a basso costo: attraverso il “Piano Impresa 4.0” si ha l’opportunità di avviare, per la propria azienda, il volano dell’innovazione e del miglioramento continuo.

Se siete interessati alle nostre proposte, non esitate a contattarci. A presto!

 

Ascoltando: David Bowie – “Heroes
Lettura in corso: “Lean Thinking” di James P. Womack & Daniel T. Jones
Mood: Innovativo

Digital strategist