Quanto citato nel titolo concerne con quanto facciamo sin dalla fondazione di NeXT: forniamo “strumenti software” che consentano ai nostri partner di raggiungere gli obiettivi prefissati.

Nella progettazione delle soluzioni software abbiamo sempre ascoltato le persone con le quali ci siamo incontrati per iniziare insieme un percorso di crescita e business. Trovandoci ad operare, principalmente, nel settore manifatturiero, questo ascolto ci ha subito portato in contatto con la filosofia e il metodo della lean production prima, e con i principi World Class Manufacturing poi.

Giocoforza, i nostri prodotti software, sono diventati, molto presto, una sorta di digitalizzazione degli strumenti previsti dalle principali teorie organizzative del settore manifatturiero. In un periodo in cui in Italia sempre più aziende si sensibilizzavano alle teorie lean, noi riuscivamo a portare una doppia innovazione: lean e digitale.

Pensiamo, in tutta sincerità, che una software house non può considerarsi un partner come qualsiasi altro: porta con sé inevitabilmente, il seme dell’innovazione, della ricerca, della sperimentazione.

A questo proposito vi raccontiamo un aneddoto che non tutti conoscono… la genesi del nostro nome.

È il titolo di un film interpretato da Nicolas Cage, il cui personaggio ha un dono: vedere nel futuro, 2 minuti più avanti.

Questo concetto ha ispirato i fondatori della NeXT: il concetto di essere sempre avanti, prevedere cosa accade, anche di poco.

In fondo, essere troppo avanti, fare avanguardia, non serve assolutamente a nessuno, né a noi, né ai nostri clienti: il nostro approccio, pur in questo afflato per il nuovo e il meglio, resta assolutamente pragmatico, orientato al risultato e alla soluzione del problema.

 

Dalla Lean production al WCM

Il passo dalla lean production al World Class Manufacturing è breve: quest’ultimo costituisce una sorta di somma di quanto cidificato da teorie esistenti sin dagli anni ’70 del secolo scorso: TPM (Total Productive Maintenance), TQM (Total Quality Management), Six Sigma, Lean manufacturing.

La particolarità della strategia WCM rispetto a quelle preesistenti sta nell’avere come obiettivo principale il cost deployment: cioè viene valutata l’incidenza economica di diversi settori, dalla manutenzione, alla logistica, dalla qualità, alla sicurezza, all’organizzazione del posto di lavoro ecc.. il tutto organizzato in 10 pilastri tecnici e 10 pilastri manageriali.

 

<em>World Class Manufacturing</em>

World Class Manufacturing

 

In questo senso, NeXT fornisce gli strumenti, digitali, per sostenere con successo gli audit WCM.

Ma come si concretizza questo nostro supporto alle aziende World Class Manufacturing?

Senza stare a spiegare nel dettaglio come funziona un audit WCM, basta sapere che l’audit prevede quattro livelli di certificazione:

  • Bronze
  • Silver
  • Gold
  • World Class Manufacturing

 

Ciascun livello è legato a specifici risultati ottenuti dallo stabilimento, ed è su queste voci che i nostri software operano per il loro conseguimento.

Facciamo alcuni esempi: tra i risultati attesi nei vai livelli troviamo “Costs Reduction Considerable around 10% to 20%”, oppure “Reduce 7 times Quality Problems” oppure “Achieve Considerable Improvements in area such as: Quality, Costs and Production Efficiency” oppure “Cost Reduction reaching a level of around 20% to 40%”, ecc…

Ovviamente le categorie che devono essere certificate come World Class sono più numerose, ma quelle citate rispecchiano alcuni degli obiettivi per i quali sono state progettate le nostre soluzioni software.

Questo tipo di supporto ha permesso che diventassimo partner di eccellenze del settore industriale mondiale che fanno parte del mondo WCM, quali FCA, Ariston Thermo, Elica, Whirlpool.

 

Gli strumenti

Per raggiungere obiettivi di cost deployment occorre solo una cosa: il dato. In grande quantità e soprattutto qualità.

L’importanza della quantità è facilmente intuibile… ma cosa vogliamo dire parlando di dati di qualità? Vogliamo sottolineare che è importante fornire al partner un dato strutturato, leggibile, decifrabile … possibilmente visual. Insomma, qualcosa che lo possa facilmente guidare nella difficile missione del fare la cosa giusta per la propria azienda, prendendo le decisioni corrette che possano portare al miglioramento continuo delle performances.

Possiamo dire che il core business di NeXT è il monitoraggio e presentazione dei dati… sempre puntando all’innovazione. Quindi siamo in grado di fornire ai clienti il dettaglio desiderato sull’efficienza produttiva, real time e nel periodo (Andon e OEE); risolvere problemi di qualità grazie a processi che coinvolgono l’Intelligenza Artificiale e il Machine learning; snellire e velocizzare le fasi di assemblaggio di un prodotto grazie a strumenti di supporto all’operatore (pick to light, visual SOP) e altro che non stiamo qui ad elencare. L’intero ventaglio dei servizi software, per chi fosse interessato, lo trovate in questa pagina.

 

Business innovation

Alla luce di quanto detto, in questi anni di grande crescita, ci siamo resi conto di un aspetto che potrebbe apparire come una sfumatura o un gioco di parole, ma che in realtà cambia totalmente l’approccio nei confronti del lavoro e della mission aziendale.

Questo aspetto, che crediamo ci caratterizzi fortemente, è quello di considerare il cliente come un partner. Sappiamo benissimo che un partner è, per tanti aspetti, qualcosa di concettualmente diverso da un cliente, ma si tratta proprio di una questione di mindset: una volta che pensi ad un cliente come un partner, pensi automaticamente ad un rapporto che dovrà durare nel tempo… pensi ad un rapporto che dovrà portare ad un arricchimento reciproco: ciascun progetto deve diventare un’esperienza che consente al partner di raggiungere gli obiettivi prefissati e a noi di applicare tutto ciò per il quale investiamo in ricerca e sviluppo e  di “scoprire” i nuovi desiderata del nostro target, ed essere quindi sempre aggiornati sulle tendenze e nuove esigenze.

In questa maniera possiamo dire di portare business innovation. Questo ci interessa più di qualsiasi altra cosa. Anzi, questo ci diverte.

 

Se vi interessano i temi che affrontiamo, iscrivetevi alla nostra Newsletter, per rimanere sempre aggiornati sui contenuti che pubblichiamo.

Ci piacerebbe conoscere il vostro parere. Seguiteci su Linkedin!

 

Ascoltando: Mina – “Insieme
Lettura in corso: “Le regole dell’attrazione” di Bret Easton Ellis
Mood: World Class

Digital strategist

On this website we use first or third-party tools that store small files (cookie) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (technical cookies), to generate navigation usage reports (statistics cookies) and to suitable advertise our services/products (profiling cookies). We can directly use technical cookies, but you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookiesEnabling these cookies, you help us to offer you a better experienceCookie policy