Manutenzione professionale – Machine ledger 4.0

Il Machine ledger è un modulo che fa parte delle metodologie World Class Manufacturing (WCM). Il Machine ledger è pensato per la manutenzione professionale.

Lo scopo del Machine ledger è quello di tenere sotto controllo la manutenzione dei macchinari, facendo emergere le cause radice dei guasti, alimentando al tempo stesso un archivio storico.

 

Ma soprattutto il modulo Machine Ledger di NeXT prosegue nella direzione, indicata da tutti gli altri moduli software, di una globale informatizzazione del dato, ovvero della progressiva sostituzione della carta con supporti digitali, e quindi immediatamente disponibili e, soprattutto, interrogabili.

 

Volendo definire il Machine Ledger in maniera semplice, ma chiara, potremo così definirlo:

 

È l’insieme e il coordinamento di tutte le attività pensate a livello di componente,
in perfetta sintonia con gli attuali standard del WCM

 

Andando più in profondità, diremo che esso è caratterizzato:

  • dalla scomposizione della macchina in gruppi funzionali. Ogni componente della macchina viene classificato in base alla sua importanza per il funzionamento della macchina stessa (classe A, B e C).
  • dalle informazioni riguardanti le politiche di manutenzione da applicare

 

In breve…

La gestione delle manutenzioni schedulate consisterà in un calendario temporale ad uso dei manutentori.

Il manutentore potrà interagire con il calendario:

  • Registrando le attività di manutenzione portate a compimento.
  • Segnalando la presenza di un eventuale guasto, specificandone la causa:
    • Mancanza di condizioni base
    • Condizioni operative errate
    • Manutenzione insufficiente
    • Errore umano
    • Difetto di progettazione
    • Fattori esterni
  • Annotare i minuti impiegati per effettuare le attività di manutenzioni previste per ogni giorno.
  • Eventuale evento EWO (Emergency Work Order).
  • Avere a disposizione uno storico delle attività pregresse. Nella sezione “KPI’s” infatti, il manutentore potrà prendere nota delle voci MTBF (Mean time Between Failures), TBF (Time Between Fasilure) e MTTR (Mean time to repair) ai fini di avere statistiche sulle rotture e riparazioni.

 

Configurare il Machine Ledger

Scomposizione macchina in singoli elementi

Scomposizione macchina in singoli elementi

È possibile configurare qualsiasi intervento possibile a livello di componente della macchina.  

 

 

 

 

 

 

 

Questa infatti viene scissa prima in sottosistemi e poi in componenti.

I sotto sistemi della macchina

I sotto sistemi della macchina

 

L’intervento è sempre legato al singolo componente.

I componenti della macchina

I componenti della macchina

 

Per ogni componente è possibile settare gli interventi.

Gli interventi sui componenti

Gli interventi sui componenti

 

Nel configurare l’intervento, è possibile specificare il tipo di manutenzione. Nel caso di una «Conditional Based Maintenance» sarà possibile settare il valore di una variabile (ad esempio il numero di cicli di un pistone), in maniera che, raggiunto quel valore, compaia, automaticamente, la manutenzione pianificata sul Machine Ledger.

Le tipologie di intervento

Le tipologie di intervento

 

Il Machine Ledger 4.0

Come detto, il Machine Ledger mostra la macchina, scissa nei suoi sottosistemi e nei singoli componenti.

Per ogni componente è indicato il tipo di manutenzione (TBM, BDM, CBM), la frequenza, la durata dell’intervento, presenza di eventuali documenti di manutenzione e se l’intervento comporta un fermo macchina.

Per i guasti si può accedere ai moduli EWO e visualizzarne la causa radice.

I triangolini di diverso colore e orientamento indicano:

  • Le manutenzioni pianificate (giallo, verso l’alto),
  • Le manutenzioni eseguite (nere, verso il basso),
  • Le manutenzioni per rottura del pezzo (rosso, verso sinistra),
  • Le ripianificazioni (blu, verso destra)

 

Il Machine Ledger

Il Machine Ledger

 

L’integrazione del Machine Ledger con i moduli EWO

Il responsabile della pianificazione delle manutenzioni, può pianificare l’intervento di un ticket precedentemente registrato.

L’operatore a cui è assegnato l’intervento di manutenzione, quando previsto, andrà a compilare un modulo EWO, decretando così la chiusura del ticket aperto in precedenza.

Il modulo EWO, attraverso l’identificazione nel campo «Where» (Analisi 5W + 1H), di uno o più componenti, verrà automaticamente inserito all’interno del Machine Ledger.

 

Il Modulo EWO

Il Modulo EWO

 

 


 

Approfondimenti dalla nostra Newsletter

La fabbrica di problemi. Se il problema… è la soluzione

 

 

Desidero ricevere informazioni su questa soluzione

Next

La NeXT è una software house che produce e commercializza sistemi informatici studiati per fornire informazioni e dati aggregati al management aziendale, supportandolo nelle decisioni operative.

La NeXT può garantire una eccellente qualità del servizio, grazie alla tecnologia della programmazione ad agenti, unica nel settore.

Information on the use of cookies on the mynext.it website

Dove siamo

Sede Operativa
via Ancona 55/A
60030, Castelbellino (AN)

Sede Legale
via Nazario Sauro 11/a
60035, Jesi (AN)

Tel: 0731696646
Fax: 0731690464
Email: info@mynext.it

P.IVA: 02510420421

Chatta con NeXT QR Code Messenger

Chat with us

Scan the logo with Messenger