Siamo arrivati alla terza puntata. Abbiamo già digitalizzato tanto, e raggiunto importanti obiettivi di efficienza. Ma possiamo fare ancora molto.

Vediamo come

Riassunto delle puntate precedenti

Abbiamo utilizzato un PLC, una HMI e il modulo OEE (agenti software in una macchina server).

Siamo quindi stati in grado di acquisire importanti KPI riguardanti l’efficacia produttiva: vai all’articolo.

Partendo da queste informazioni, abbiamo cominciato a lavorare per migliorare i dati riguardanti i fermi macchine: quindi abbiamo digitalizzato la gestione delle manutenzioni delle macchine, grazie al Machine Ledger 4.0: vai all’articolo.

Questa volta andiamo a migliorare la velocità del flusso produttivo: aiutiamo l’operatore ad abbattere gli errori e ad essere più veloce.

Il Visual SOP: maggiore velocità ed autonomia da parte dell’operatore

Il Visual SOP è uno strumento previsto dal World Class Manufacturing.

È un sistema che ha l’obiettivo di istruire e guidare l’operatore nell’esecuzione di specifiche operazioni. L’intento è quello di limitare al massimo sprechi di tempo ed errori.

L’idea di utilizzare questo strumento, nasce dalla consapevolezza, provata da evidenze scientifiche, che l’uomo percepisce le immagini prima di ogni altra cosa: poche parole ben utilizzate, ed associate ad immagini, raggiungono lo scopo molto meglio e più rapidamente di tante pagine di testo scritto.

Il principio su cui si basa l’efficacia di un sistema di Visual SOP è perfettamente descritto dalle parole di Rudolph Arnheim (storico dell’arte e psicologo tedesco):

“Nessun processo di pensiero sembra esistere senza un processo percettivo: attraverso le immagini diamo significato alle informazioni e siamo in grado di elaborarle. In poche parole, apprendiamo.”

Per questo motivo il Visual SOP migliora il trasferimento di conoscenze, ottimizza i processi, e in ultima analisi, fa risparmiare denaro.

Nel Visual SOP, le informazioni vengono veicolate attraverso immagini corredate da poche parole chiave: l’immagine rappresenta, la parola descrive.

Le informazioni veicolate possono riguardare temi e formati differenti.

Per fare un esempio dei temi più comuni, potremmo citare la sicurezza, il controllo qualità e istruzioni operative.

Come tutti gli strumenti del WCM, nasce per combattere gli sprechi. In questo caso, parliamo di spreco di tempo, il tempo di una serie di persone che lavorano in azienda: dall’ingegnere che si occupa di redigere il (voluminoso) manuale di istruzioni, all’operatore che quel manuale lo deve assimilare (soprattutto se è un neo assunto); spreco anche di denaro, perché le occasioni di errore si moltiplicano laddove non puoi seguire, passo passo, l’iter delle tue mansioni: quanti danni o rallentamenti possono essere arrecati da una azione eseguita non correttamente?

Il Visual SOP consiste in uno schermo touch presente nella postazione dell’operatore nel quale vengono proiettati contenuti multimediali riguardanti sia istruzioni che altri contenuti, come ad esempio i DPI necessari per chi lavora in quella postazione.

I contenuti veicolati attraverso il Visual SOP vengono organizzati in vere e proprie «playlist».

La playlist viene identificata per postazione, categoria di articoli e articoli.

Attraverso le playlist, i contenuti vengono strutturati e ordinati secondo una precisa e funzionale sequenza, e possono essere di diverso formato:

  • Pdf
  • Immagini
  • Video
  • URL

L’esperienza d’uso è assolutamente interattiva. Le schermate scorrono automaticamente, secondo un tempo ed una sequenza prestabiliti. L’operatore ha la possibilità di gestire la visualizzazione dei contenuti, mettendo in pausa lo scorrimento, o navigando indietro o in avanti.

Visual SOP

Riassunto delle puntate precedenti

Riassumiamo i vantaggi di questa soluzione:

  • Migliora la formazione e il trasferimento delle conoscenze: le operazioni di routine possono essere delegate a personale junior, liberando così personale dirigente che potrà quindi occuparsi di compiti prioritari superiori.
  • Le verifiche di conformità saranno più gestibili, perché la documentazione è già in atto. Documentare SOP diventa così un progetto chiave in vista di un audit.
  • Maggiore trasparenza: i processi documentati visivamente potranno più facilmente rispondere alla domanda di business più comune: “perché ci vuole così tanto tempo?”
  • Strumento importante di prevenzione degli infortuni: potenzia la consapevolezza dei dispositivi di protezione (DPI) che sarà chiamato ad indossare per svolgere il proprio lavoro.
  • Risparmio sui costi: Il lavoro può essere assegnato ad un più basso livello di costi di supporto; le operazioni IT saranno più efficaci e quindi si eviteranno guasti costosi.

CASSETTA DEGLI ATTREZZI:

– 1 monitor touch a postazione
– 1 mini computer (NUC)

Continueremo questo iter nel processo di digitalizzazione dei processi, nella prossima puntata. Seguiteci!

Se vi interessano i temi che affrontiamo, iscrivetevi alla nostra Newsletter, per rimanere sempre aggiornati sui contenuti che pubblichiamo.

Ci piacerebbe conoscere il vostro parere. Seguiteci su Linkedin!

Ma se volete seguirci nella maniera più veloce e agile, seguite il nostro canale su Telegram!

Ascoltando: U2 – “Beautiful day
Lettura in corso: “Strategia oceano blu: vincere senza competere” di W. Chan Kim e Renée Mauborgne
Mood: Green

<- Cosa significa digitalizzare i processi: Pt.2
Cosa significa digitalizzare i processi: Pt.4 ->